strie
strie
 


 



FARINACCIO
Chenopodium album

strie

di Micaela Balìce

Nomi popolari: Farinaccio, farinello, spinacio selvatico.

Il farinaccio è una di quelle piante chiamate "infestanti" che subiscono ogni anno la lotta che gli agricoltori infliggono alle "native e spontanee". Ma è una pianta tenace i cui semi sono tra i più longevi, potendo germinare anche dopo 60 anni.
In realtà è una pianta estremamente produttiva e a noi non resta che coglierla e consumarla.
Cresce in tutta Italia e sovente ha come compagnia l'amaranto (altra pianta infestante e commestibile). La sua presenza indica un terreno fertile con buona disponibilità di fosforo e potassio.

farinaccio
La pianta presenta una caratteristica che la rende facilmente distinguibile dalle altre: sulla pagina inferiore delle foglie (ma nelle cime più tenere anche su quella superiore) vi è una sorta di farina biancastra (pruina) che rimane anche sulle mani se toccata.
Altra caratteristica è la forma delle foglie a piede d'oca (da cui il nome latino: chenopodium)

Il farinaccio è un parente stretto dello spinacio con il quale condivide quindi tutti gli usi: si consuma tenero e crudo in insalata; lessato con olio e limone; ripassato in padella al burro o con pancetta, aglio e formaggio; come ripieno per cannelloni e via dicendo.
Si riduce molto durante la cottura pertanto conviene raccoglierne grandi quantità, ma se il vostro orto ne è infestato allora vi tornerà molto utile perché con una sola operazione ne fate due: pulire l'orto e raccogliere il chenopodio.

Il chenopodio si raccoglie giovane, tutta la piantina tranne le radici. Ma è possibile raccoglierlo anche quando è più grande prendendo la cima con le foglie più tenere. Quando è in fiore la cima è comunque consumabile ed il fusto non indurisce come in altre piante: le infiorescenze possono essere consumate come dei broccoletti miniaturizzati.
Infine, quando va a seme, i semi possono venir trasformati in farina ed essere inseriti nella panificazione.

Proprietà: ricco di Vit. A, B e C; di minerali come calcio, potassio e ferro; di proteine e di fibra. I semi in particolare contengono lisina (aminoacido scarsamente presente nei cereali) bilanciando così, nel consumo come farina, l'apporto proteico dei cereali. È antielmintico, antiflogistico, antireumatico e lassativo (vedi Glossario erboristico).

In cucina: crudo in insalata i germogli teneri; lessato; ripassato in padella; come ripieno.


ATTENZIONE
Il chenopodio, come l'amaranto e altri ortaggi, è in grado di accumulare guandi quantità di nitrati che possono risultare tossici. Evitare di raccoglierlo se è in terreno concimato abbondantemente con azoto minarale o se cresce in prossimità di un cumulo di letame.

Quando si consuma un cibo nuovo per la prima volta è sempre bene cominciare con quantitativi molto bassi per assicurarsi di non avere allergie o incompatibilità personali con l'alimento.

SPINACI SELVATICI AL BURRO

Far cuocere il chenopodio in padella ricoperto d'acqua e col coperchio, a fiamma bassa per qualche minuto.
Una volta cotto scolare l'acqua in eccesso ed aggiungere burro a sufficenza. Far ripassare bene finché il burro non è sciolto e ha ben insaporito le verdure. Salare appena e grattuggiare abbondante formaggio grana o parmigiano.
Coprire per qualche minuto e servire.




© 2012 Testo di Micaela Balìce per www.strie.it
Qualsiasi riproduzione, senza esplicito consenso dell’autrice è vietata.


Immagini:
Farinaccio, intestazione: https://www.kuleuven-kulak.be/kulakbiocampus/lage%20planten/Chenopodium%20album%20-%20Melganzevoet/melganzevoet.htm
Farinaccio: http://lilfishstudios.blogspot.it/2012/05/eating-common-lambsquarters-chenopodium.html

Bibliografia:
AAVV, Le Erbe, Fabbri Ed., 1994
CUNNINGAM SCOTT, Enciclopedia della piante magiche, Mursia, 1992
POMINI LUIGI, Erboristeria italiana, Minerva Medica, 2000
ROSATI ADOLFO, Le più note piante spontanee di stagione, in “Vita in Campagna” 6/2005, pag. 59
JEAN VALNET, Cura delle malattie con ortaggi, frutta, cereali e argilla, Giunti, Firenze, 1987


 

info@strie.it



strie
TORNA ALLA HOMEPAGE



STRIE Associazione Culturale - Località Cascine 86 10020 Verrua Savoia (To)
info@strie.it - www.strie.it - cell. 3475203280

Grafica e animazioni di Maria Giusi Ricotti - Il Calderone Magico

farinaccio