strie
strie
 


 


 


FISIOLOGIA DELLA TERRA

strie

di Micaela Balìce
"La natura nasconde i propri segreti perchè è sublime, non perchè imbroglia"

Albert Einstein
Pensieri di un uomo curioso” Mondadori, pag. 126


LE RETI ENERGETICHE

Sin dall’antichità gli insediamenti umani non sono mai stati casuali.
Grande attenzione veniva data non solo alle risorse che un territorio offriva ma anche alla sua “salute energetica”. Per percepire tale salute si utilizzavano metodi legati ad abilità oggi non più considerate attendibili, quali la radiestesia, le capacità rabdomantiche se non le visioni o le divinazioni.

In ogni caso un luogo doveva emanare un certo tipo di energia per essere adibito ad una certa funzione e non a caso templi e sovente anche luoghi di riposo dei morti erano situati in posti con determinate caratteristiche. Tutto ciò ci fa pensare che esista una fisiologia energetica della Terra che in qualche modo era palese ai nostri predecessori.

stonehenge
In oriente lo studio delle simmetrie dell’ambiente circostante permetteva di determinare i luoghi dove costruire; greci e latini facevano pascolare e dormire le greggi sui terreni da abitare e poi ne controllavano lo stato delle viscere. Aùguri e sacerdoti detenevano il potere di detrminare i luoghi di culto e guarigione, generalmente pieni di energia positiva.

Dolmen, obelischi, menhir, piramidi, le grandi cattedrali ne sono un esempio. Nulla era dato al caso.

La prima e più vasta rete energetica conosciuta dagli antichi e giunta fino a noi è composta da Cardo Mundi e Decumano; ma bisogna arrivare al secolo scorso, con gli studi di Peyrè (1937), Curry e poi Hartmann (1970) per avere nuove teorie sulle griglie energetiche che coprono il nostro pianeta, griglie che possono essere utilizzate per equilibrare la nostra salute e l’ambiente che ci circonda.

campo magnetico
Le fasce magnetiche che ricoprono la Terra non sono rigide linee e non presentano sempre un andamento perfettamente geometrico. Le maglie si distendono e si allungano, si comprimono e hanno capacità di deformarsi in presenza di vari fattori come temporali, fulmini, tempeste magnetiche, fasi lunari, terremoti, fenomeni vulcanici, alluvioni, corsi d'acqua sotterranea, ma anche ripetitori radiotelevisivi, antenne di telefonia mobile, trivellazioni, reti fognarie, condutture metalliche di acqua, gas o altro…

Non sono neppure nocive di per sé, ma sono indice di vitalità della Terra in quanto essere vivente, non solo: la loro natura le rende vie di comunicazione tra i vari esseri viventi e tra questi e il resto dell’universo.
La nocività si manifesta quando i campi elettromagnetici naturali entrano in conflitto con quelli artificiali acumulando in eccesso livelli di energia.


strie

CARDO MUNDI E DECUMANO

strie
Il CARDO MUNDI (cardine del mondo) è la proiezione dell'asse terrestre sulla crosta generata dalla rotazione terrestre e costituisce un campo elettromagnetico che va da Nord a Sud.

Presenta un picco energetico ogni 24 mt.

Perpendicolarmente al CARDO MUNDI si trova un altro campo energetico che va da Ovest verso Est: il DECUMANO (Decumanus — De Cuius Manus = la mano degli dei che fa girare la terra) il cui picco energetico è ogni 30 mt.

La parola ha origine dalla linea tracciata dagli aùguri quando interpretavano i presagi degli dei.
Non è ben chiaro dai testi consultati se i picchi energetici coincidano con i punti di intersezione delle due linee. Per il momento li consideriamo ipoteticamente coincidenti.

Cardo Mundi e Decumano erano conosciuti dagli antichi, tanto che i Romani chiamavano Cardo e Decumano le vie principali delle città.
In questo modo otteniamo una prima grande griglia terrestre.
All'interno di questa trama ortogonale, come frazione della stessa, si possono individuare le reti Hartmann (campi energetici minori), in misura di 12 per “maglia”.

Un'altra rete si inserisce in questo campo energetico, composta da linee che si snodano diagonalmente, da Nord Ovest - Sud Est e da Sud Ovest - Nord Est e presentano un picco energetico ogni 36 metri.

Le linee che vanno da NordOvest a Sud Est vengono considerate sinistrose, con energia a rotazione antioraria, assorbenti e quindi potenzialmente dannose per l’organismo.

Le linee che vanno da NordEst a SudOvest hanno invece energia a rotazione oraria, radianti e quindi potenzialmente benefiche.

Ovviamente il discorso è valido sui luoghi naturali. Ove vi sono cariche elettromagnetiche artificiali e/o in eccesso anche le energie radianti sono da ritenersi non salutari. Viceversa vi sono alcuni luoghi dove le energie assorbenti sono servite da sempre per guarire da malattie caratterizzate da “eccessi”.

Collocate tra 2 picchi vi sono 12 reti Curry.
strie

strie

RETE di HARTMANN

strie

La Rete di Hartmann è un reticolo di natura prevalentemente magnetica, di origine tellurica, costituita da fasce o “muri invisibili” larghi circa 21 cm disposti lungo le direzioni geomagnetiche della terra da Nord a Sud e da Est ad Ovest.
Questi “muri invisibili” in generale si individuano ogni 2 metri circa in direzione nord-sud e ogni 2,5 metri circa in direzione est-ovest.

I punti di incrocio sono detti “nodi di hartmann” o “nodi H”: in questi punti (dei riquadri di circa 21 cm di lato) il campo magnetico è molto elevato, sebbene non sia stabile ma vari a seconda delle ore del giorno, della presenza di corsi d’acqua, faglie, masse magnetiche e strutture metalliche specie se collegate alla rete elettrica e aumenti prima di forti depressioni atmosferiche.

La griglia descritta da Hartmann si restringe verso i poli e si allarga in corrispondenza dell’equatore, non è rigida ma è come una maglia che tende ad allargarsi o restringersi in presenza di altri campi magnetici. In habitat naturali le maglie tendono ad essere regolari e anche la nocività è minore.

I punti considerati dannosi per la salute sono i sopracitati “nodi H” dove il campo elettromagnetico tende ad essere più forte e quindi causa delle cosidette patologie geopatogene: disporre un letto o il computer dove si lavora sopra uno di questi nodi può portare alla formazione di vari squilibri che col tempo possono diventare malattie anche gravi: debolezza e stanchezza continue ed immotivate, diturbi del sonno, nervosismo fino a patologie come il cancro.


strie

RETE DI CURRY

strie
La Rete di Curry ha natura elettrica e pare sia di origine cosmica, è disposta in modo diagonale rispetto a quella di Hartmann: le sue “fasce” si propagano da nord/nord-ovest a sud/sud-est e da sud/sud-ovest a nord/nord-est, formando un angolo di circa 45° rispetto all’asse magnetico terrestre.

I lati sono di circa 3 - 3.5 metri ma possono essere estremamente variabili; ciò rende molto difficile la loro corretta individuazione.

I punti di incontro sono anche qui detti nodi e data la loro maggiore carica elettromagnetica (maggiore anche dei nodi H), sono considerati perturbanti causando le geopatie già descritte per i nodi H. I nodi C. possono assumere anche dimensioni che dai 50 cm. giungono fino al metro.

La rete Curry è mobile, estremamente variabile e perturbabile da altri fattori di origine naturale o artificiale.
Non va infine dimenticato che tutti i reticoli elettromagnetici di natura cosmo-tellurica aumentano la propria intensità dalle ore 23.00 alle ore 04.00 circa.


Le Reti di Hartmann e Curry sono misurabili con il galvanomerto (misura le correnti elettriche anche deboli) e il geomagnetometro (registra il magnetismo di origine terrestre), oltre che con la radiestesia e il comportamento animale (vedi oltre).

strie

LEY LINES E LINEE SINCRONICHE

Le Ley Lines furono teorizzate nel 1921 da Alfred Watkins in base all’intuizione che gran parte dei siti preistorici composti da megaliti imponenti e altri antichi edifici di culto fossero stati costruiti sulle traiettorie di precise linee diritte. Larghe all’incirca due metri ed equidistanti tra loro, le Ley Line (linee di prateria) percorrerebbero l’intera superficie terrestre, incrociandosi tra loro. Su questi incroci sorgerebbero i templi e i luoghi sacri. Sotto di esse scorrerebbero fiumi sotterranei o sarebbero presenti filoni di minerali metallici.

lilyfairy
Abitate da fate, streghe e altri esseri fantastici o porte d’accesso per luoghi di altre dimensioni, le Ley Lines non sono misurabili come le reti di Hartmann e Curry, ma pare che qualcuno abbia in dono la capacità di vederle.

Delle Linee Sincroniche ne parla invece la Comunità di Damanhur, in particolare nel libro di Oberto Airaudi editato nel 1998. Vengono considerate come grandi fiumi di energia che circondano il nostro pianeta e lo collegano all’Universo. Composte anch’esse da un complesso reticolo di 9 linee orizzontali (direzione Nord – Sud) e 9 verticali (direzione Est – Ovest) corrispondono alle linee che i cinesi chiamavano “Schiena del Drago”. Capaci di trasportare energia, queste linee ci consentono di collegarci a qualsiasi punto del pianeta e di trasportare attraverso di esse pensieri ed idee.

Anche queste sono “porte energetiche” per entrare in contatto con altre dimensioni o livelli evolutivi. Sono individuabili con la radiestesia, l’osservazione della morfologia e della storia del territorio ma anche mediante viaggi astrali e medianità.
Ley Lines e Linee Sincroniche si distinguono così dalle Reti Hartmann e Curry non avendo corrispondenze con le linee magnetiche terresti.


strie

COME RILEVARLE: ESERCIZI PRATICI PER TUTTI

Per rilevare la Rete di Curry o di Hartmann in modo scientifico bisogna disporre di galvanometro (misura le correnti elettriche anche deboli) e di geomagnetometro (registra il magnetismo di origine terrestre). Questi strumenti misurano anche variazioni dei campi elettromagnetici dovuti ad altri fattori.

Senza questi strumenti ci si può affidare solo alle proprie percezioni, all’osservazione o ad una tecnica, scientificamente non riconosciuta ma che ha una sua grande attendibilità, che è la Radiestesia.
Con la Radiestesia è possibile individuare i nodi H, le falde acquifere o le sorgenti, le direzioni dell’energia del campo individuato ed anche la polarità (sinistrosa o destrosa – assorbente o radiante).
Non mi dilungo qui su questa antica tecnica, magari lo faremo in seguito, ma un semplice esercizio ci può far divertire e verificare le nostre qualità radiestesiche.

Eserciziodi rilevazione radiestesica di un campo elettromagnetico

strie
Se avete un pendolino, usate quello. Altrimenti potete cercare un nocciolo e tagliare un ramo con una biforcazione a Y.
Il nocciolo è molto sensibile ed è sempre stato usato dai rabdomanti per le ricerche dell’acqua.
Posizionatevi in un punto della vostra stanza o del giardino, a seconda di dove volete rilevare dei nodi, tenete il pendolino ben saldo nella mano destra in tensione verso avanti oppure la bacchetta con la biforcazione tra le due mani leggermente divaricate (in tensione) in modo che la “gamba” della Y sia rivolta avanti a voi.
Non tendete troppo: diventereste rigidi e non passerebbe l’informazione!

Camminate ora molto lentamente in avanti, in linea retta, piede dopo piede mantenedo la giusta tensione con le mani nel tenere la bacchetta (o il pendolino). Sicuramente, dopo circa due metri, due metri e mezzo, la bacchetta improvvisamente si rovescerà verso l’alto in un movimento talmente istantaneo che se non avete le braccia sufficientemente distanti rischiate di darvela sul muso!

Per chi ha il pendolino, invece, deve prestare attenzione al punto in cui inizia a ruotare, in genere in senso antiorario. Lì fermatevi e segnate il punto: con molta probabilità è un nodo H (più facile da rilevare dei nodi C.).
Se rifate l’esercizio anche orizzontalmente e continuate a segnare i punti potrete individuare una griglia, più o meno regolare. Verificate poi come vi sentite su questi punti.

Oddea! perdo le forze!”: esercizio di verifica della presenza di un nodo H

Disponetevi su un punto non H (quindi neutro) della vostra stanza, in piedi; stendete il braccio sinistro verso l’esterno parallelo al pavimento e chiedete a qualcuno di spingervelo verso il basso facendo forza.
Voi contrapponete a questa spinta la vostra forza per evitare che ve lo abbassino.
Ce la fate? Bravi!
Ora ripetete il giochino su un NODO H… ce la fate? Credo di no. Percepite subito una debolezza e l’impossibilità di reagire con la stessa forza di prima.
Questo semplice esercizio ci indica come i campi elettromagnetici interferiscano sul nostro campo (anche noi siamo fatti di elettricità in circolo!!!) deformandolo: potete provarlo per esempio senza e con il cellulare nella mano sinistra. Vi divertirete molto!

strie

RILEVATORI NATURALI

Ovviamente la natura ha un suo linguaggio che basterebbe sforzarsi ad imparare per decodificare e capire molte cose in più. Animali e piante percepiscono i campi elettromagnetici e le variazioni energetiche (anche sottili) e basterebbe fare della sana osservazione per confermare la presenza di zone assorbenti o radianti e adibirle a scopi utili anziché “dormirci su”.

Il cane è un buon rivelatore siccome non tollera le zone che emettono vibrazioni e preferisce le aree neutre (in genere gli spazi dento una maglia della rete). Vicecersa i gatti adorano rilassarsi tra le emissioni energetiche ed elettromagnetiche, in particolare sui nodi di Hartmann, scegliendo luoghi dove l’irraggiamento del suolo è intenso.

api
Le api hanno un’attività frenetica e producono una quantità tripla di miele se sono su un nodo di Hartmann. Termiti e formiche, invece, costruiscono i loro nidi in zone ad intensa irradiazione. Soprattutto le formiche nere sono attratte dalle zone geopatogene e si possono osservare grossi formicai sui nodi della rete H. Le termiti si riproducono  abbondantemente sui nodi geopatogeni in particolare se nel sottosuolo si trova una falda freatica o un corso d’acqua che rendono il nodo ancora più nocivo.

Conigli, galline, cavalli, mucche
, etc. che vivono in cattività su zone geopatogene ne subiscono gli effetti negativi. Si pensa che i numerosi animali che sono in grado di sentire l'avvicinarsi di un sisma percepiscano in realtà le maglie della "rete H" che si allargano a seconda dell’intensità del terremoto, in un arco di tempo che va da qualche ora ad una settimana dall’evento.

strie
Anche le piante sono ottimi segnalatori: gli alberi, in un luogo perturbato crescono male e poco, sul tronco si possono osservare tumori e rigonfiamenti chiamati “scope di strega”, il tronco è cavo, sdoppiato, i rami sono contorti, sono facilemente attaccabili dalle malattie. Inoltre il muschio, di colore verde brillante (che nelle zone sane si sviluppa solo sulla parte del tronco esposto a Nord), tende ad allrgarsi su tutta la circonferenza del tronco, fino ad alcuni metri d’altezza.

Gli alberi da frutta si contorcono e si sviluppano nella direzione opposta a quella della corrente d’acqua sotterranea. Inoltre sono più esposti ad attacchi di parassiti.

Molte piante, come le siepi, ingialliscono e perdono il loro vigore. Il capelvenere ed il prezzemolo in vaso se poste nel luogo sbagliato non si sviluppano, mentre il cocomero, il sedano e la cipolla non riescono a crescere in zone perturbate. Invece le resinose, l'ortica, la dieffenbachia e altre, crescono bene anche nei luoghi dove l'irraggiamento tellurico è intenso.

In città i segni delle anomalie del sottosuolo non sono quasi mai visibili: l’inquinamento elettromagnetico è amplificato dalle onde di forma provenienti dall’architettura e dall’arredamento, dai materiali conduttori, dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche domestiche, dall’impianto elettrico non schermato e ad anello, dall’umidità fattori che coprono o deformano le onde elettromagnetiche naturali terrestri. E’ qui che si parla di “geopatie” ed è qui che le emanazioni diventano veramente pericolose.

Comunque è possibile verificare la presenza di crepe nei muri che partono dal basso, macchie di umidità a forma di campana provenienti dal basso e che si verificano dopo piogge e temporali, “pastiglie” nerastre sulle pareti, odore di muffa: tutti fattori che, in assenza di altri motivi, possono indicare la presenza di corsi d’acqua sotterranei, falde freatiche o faglie.
E poi è sempre possibile osservare il comportamento degli animali domestici e - perché no?- anche il nostro!


strie
COSA FARE IN CASO DI NODI NOCIVI

Esistono circuiti oscillanti o placche metalliche trattate in modo radiestesico che azzerano l’eccesso creato dal campo elettromagnetico rendendo neutra la somma delle radiazioni emesse. Ma è meglio rivolgersi ad un Radiestesista esperto in geopatie per farsi consigliare dove e come isolare l’area che abbiamo a cuore.

Sicuramente se scopriamo di lavorare o dormire su un nodo H potremmo semplicemente spostare il letto o il computer e metterci la cuccia del gatto o qualche pianta come la dieffenbachia…
Possiamo staccare le spine dei computer o delle TV per diminuire i campi elettromagnetici inutilizzati. Spegnere il cellulare ogni tanto (quello è il nostro personal magnetic camp che ci teniamo stretto stretto tutto il giorno!!!).
Non comprare una casa sotto un traliccio Enel anche se il prezzo è interessante, osservare dove stanno posizionando i ripetitori della telefonia mobile… Insomma: osservare e provare a fare dei piccoli cambiamenti.

strie



Le energie di Madre Terra ci possono essere veramente utili se siamo in grado di utilizzarle al meglio.

Gli antichi costruivano un templi di guarigione laddove i punti sprigionavano energia radiante o assorbente: Dolmen o Menhir ne indicavano il tipo di energia.

Per curare la sterilità si andava probabilmente in un luogo radiante e per un tumore in un luogo assorbente.


Questi punti sono ancora oggi importanti perché - come i punti dell’agopuntura sull’organismo umano - possono essere usati oltre che per curare noi stessi anche e sopratutto per
guarire la Terra, mettendoci in un nuova - o meglio: rinnovata - relazione con Lei.



per info info@strie.it
©2008 Testo e ricerca di Micaela Balìce per www.strie.it


Qualsiasi riproduzione, senza esplicito consenso dell’autrice è vietata.

Immagini
fotografie
- foto d'intestazione: catene, originale di Micaela Balice
- stonehenge, tratta da http://www.friendshiptours.com/sample/europeanChurches.html
- campi magnetici terrestri, tratta da: http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=23704
- bacchetta rabdomanzia: tratta da http://www.webalice.it/cipidoc/studio4.htm
- api: http://www.amailmiele.it/organizzazione-delle-api.php
- dieffenbachia: http://www.greenstarfoliage.com/02DieffenbachiaSterling.htm
-
Bisceglie, Dolmen della Chianca: http://nuvolamigrante.wordpress.com/
disegni:
- griglie energetiche: disegni originali di Micaela Balice o rielaborazioni personali da http://www.architetturaesostenibilita.it/geobiologia1.htm
- The Lily Fairy, Luis Ricardo Falero, 1888


Bibliografia
O. AIRAUDI, Le linee sincroniche – Gli scorrimenti energetici del Pianeta, Comunità di Damanhur, Baldissero Canavese, Torino, 1998
F. BORTONE, La radiestesia applicata alla medicina,
1978
E. DE CARLINI, Le meraviglie della radiestesia,
Editrice Vannini, Brescia, 2000
G. QUADRELLI., L 'energia di un Santuario, Macro Ed., Cesena, FC, 2000

P. ZAMPA, Elementi di radiestesia, Editrice Vannini, Brescia, 1999

Fonti Internet ed approfondimenti
http://www.itria.it/laterra.htm

http://www.konogea.it/geopatie.htm
http://www.mednat.org/bioelettr/elettromagnetismo_vita.htm
http://www.aamterranuova.it/article1604.htm
http://www.geobiologia-salute.com/QUANTE%20ZONE%20GEOPATOGENE.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Ley_line
http://www.starstuffs.com/chakras/earthchakras.html
http://www.galileoparma.it/doc-paleo-ia-1.pdf
http://it.wikipedia.org/wiki/Decumano


 

info@strie.it



strie
TORNA ALLA HOMEPAGE



STRIE Associazione Culturale - Località Cascine 86 10020 Verrua Savoia (To)
info@strie.it - www.strie.it - cell. 3475203280

Grafica e animazioni di Maria Giusi Ricotti - Il Calderone Magico

terra